mercoledì 28 ottobre 2015

VORREI AVERE: LEGGERE I DESIDERI DEL CUORE


eccolo,
vi presento il libro che abbiamo letto oggi in classe prima nell'ambito di libriamoci:



«Vorrei avere la foresta di pensieri del cervo quando ascolta
il bosco. La voce della balena che canta e si sente a un oceano
di distanza. […] Le orecchie immense dell’elefante per
intendere quel che dice il cielo»




 Quante volte ci è capitato di dire o sentirci dire: “Esprimi un desiderio.. Vorrei avere…”.
e allora oggi abbiamo fatto parlare immagini e parole ascoltandone il canto e immergendosi nelle figure
poi abbiamo scoperto e condiviso quali sono i desideri che ci passavano per la testa.
Vorrei avere... è un Cantico delle creature laico,  lieve e profondo assieme.



eccoci ora al lavoro: anche noi avremo il nostro libro che vedrete fra un po' di giorni






"Vorrei avere" di Giovanna Zoboli e Simona Mulazzani, interloquisce con la natura a un livello universale, usando le parole e le immagini per rivolgersi alle bestie, agli alberi, al cielo, al mare. Anche se il testo parla al singolare, dietro ogni pagina dobbiamo immaginare la voce di molti bambini, attratti dalla stessa aspirazione: diventare come certi animali. Testo e figure plasmano desideri dello spirito, non materiali. Il rispetto dell’ambiente è, in effetti, una questione sentimentale e morale, non economica, ed è significativo che a ribadire questo concetto sia un libro illustrato per bambini e non un saggio per adulti o uno spot elettorale. Gli animali di cui si parla sono
dotati di corpo, anima e cervello. Si vorrebbe rubare loro la coda, la corsa, il colore, la malinconia, l’allegria, la felicità, i pensieri, lo sguardo, il silenzio.
Tornano in mente alcuni versi del Libro di Giobbe, «Ma domanda alle bestie t’insegneranno. E agli uccelli del cielo ti spiegheranno. Gli strisciaperterra ti schiariranno. I pesci del mare t’informeranno». Prendendoli a esempio sul serio, la specie umana potrebbe reagire al proprio declino e magari perfino riprendersi.

se volete leggere di più potete andare qui e leggere il catalogone numero 4